LA SCOMPARSA DELL' E-MAIL MARKETING

Sono finiti i giorni in cui le persone non vedevano l'ora di ricevere nuove e-mail, o semplicemente cliccavano su ogni e-mail per leggere cosa conteneva.
Ormai siamo talmente subissati da valanga di e-mail che diventa sempre più difficile aprire e leggere i contenuti.

 

Soprattutto durante la Pandemia, dove costretti a casa, siamo stati anche un pò obbligati ad aprire e-mail per rimanere in contatto con il mondo esterno.

Tanto che nel 2021 stiamo subendo una riluttanza alle e-mail.

In cosa consiste questa riluttanza?

Il rifiuto delle e-mail è proprio quando una persona si astiene dall' aprire qualsiasi e-mail.
Non c'è più l'eccitazione di riceverle come un tempo perchè ne arrivano troppe, troppo spesso e tutte con lo stesso scopo: offerte di vendita. 

E come biasimare queste persone?

Riceviamo così tanta posta elettronica che non diamo più il giusto peso a ciò che riceviamo.
Tuttavia, l'email marketing è tutt'altro che morto.
L'email marketing è una strategia di comunicazione di contenuti con l'obiettivo di implementare le relazioni tra l'utente e il brand, anche se negli ultimi anni distorta da molti marketer.
Rimane ancora una delle tattiche di marketing più efficace e oltretutto è misurabile in termini di ROI. 
Rispetto agli altri canali di web marketing, garantisce risultati in termine di conversione degli utenti.
Ben più del 50% dei marketer ritengono che l'email marketing è ancora oggi più efficace dei social media.
Ecco 5 consigli su come superare il rifiuto delle e-mail e potenziare l'apertura delle stesse
1) INVIARE UNA E-MAIL DI BENVENUTO
Non appena una persona interagisce con il tuo brand iscrivendosi ad una newsletter o un contenuto gratuito, è fondamentale inviare una lettera di benvenuto per interagire subito con loro che ti hanno appena conosciuto per dargli modo di proseguire e approfondire la tua conoscenza.
Studi affermano che le e-mail di benvenuto portano a più del 320% di entrate rispetto alle e-mail promozionali.
2) PERSONALIZZARE LE E-MAIL
Ormai esistono tanti software di e-mail marketing e automazioni, alcuni anche gratuiti, che ti permettono di avere piccole accortezze verso gli utenti, come quella di chiamarli per nome.

E' anche un modo per entrare in empatia con loro perchè si sentiranno più a loro agio ad interagire con te sentendosi chiamare con il proprio nome.
Con le automazioni oggi si può ricordare loro prodotti che hanno visualizzato, acquisti che non sono andati a buon fine e tante altre azioni specifiche per ogni business.

 

Perché non sfruttare queste servizi di e-mail marketing che portano al doppio delle aperture delle e-mail o dei click rispetto a quelle non segmentate?

3) CONTENUTI
Abituati a non inviare e-mail di solo offerte oppure esaltando i tuoi prodotti.
Prima di parlare di prodotto, parla alle persone dei loro errori, delle loro problematiche e le loro esigenze, poi parlerai del prodotto e di come questo può risolvere i loro problemi.

Abituati a parlare alle persone e non parlare del prodotto.
4) OGGETTO E-MAIL
Utilizza delle buone domande nell'oggetto. Domande che giornalmente si pongono i tuoi clienti.
Creare curiosità genera più apertura dell'e-mail perchè si aspettano delle risposte a quella domanda che sentono propria.
5) LIMITE DELLE E-MAIL
Tra il non lasciare che i tuoi clienti si dimentichino di te e l'essere troppo frequente nelle e-mail c'è una linea molto sottile che dovremmo essere in grado di gestire perchè è proprio l'invio di troppi contenuti che spinge alla stanchezza delle e-mail.

Basta una e-mail che ricorda un'abbandono di un'azione; una email una volta al mese per le offerte e magari una e-mail in occasioni speciale come il compleanno che genera sempre piacere.
Non spingerti tanto oltre perchè rischi di avere l'effetto contrario...
...quello appunto della riluttanza delle e-mail!
Concludendo..

L'e-mail marketing può essere molto più impegnativo di quello che era un decennio fa, ma sicuramente più automatizzato grazie ai tanti software evoluti.

 

Ciò significa meno tempo per scrivere, più tempo per catturare clienti e produrre profitti.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo cliccando qui sotto

Autore: Gabriele Prevato

Sono Consulente e Formatore in Marketing e comunicazione da oltre 10 anni.

Puoi sapere di più su Gabriele Prevato qui:
https://www.webfacile.info